rugby

CATANZARO. Sport, memoria e solidarietà. Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano erano due giovani netturbini caduti in un agguato mafioso nel ’91, in via Miraglia a Lamezia Terme, mentre esercitavano la loro professione.  Pasquale e Francesco non hanno mai avuto giustizia e solo di recente, in occasione del ventennale della loro esecuzione mafiosa,  il comune di Lamezia Terme ha tributato loro un riconoscimento pubblico. Cristiano e Tramonte non erano eroi, non erano importanti, erano gente comune, lavoratori. Libera Catanzaro ha voluto dedicare loro il proprio coordinamento di recente istituzione. Ieri pomeriggio al Campo Scuola “Pietro Mennea” il Clan Rugby Catanzaro è sceso in campo per il derby con il Rende (campionato Seniores C) con delle magliette che portavano impresso il loro nome.

 

 

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>